La grande piazza in pietra si trasformerà, dall’1 al 13 maggio, in un meraviglioso giardino effimero. Ad offrire un colpo d’occhio imperdibile, fragilissimo e stupefacente, unico al mondo.

 Evento nell’evento, l’esposizione, a cura di Francesco Petrucci e Roggero Roggeri, nelle sale del Museo di Palazzo Borgia (dal primo maggio al 2 giugno), di uno straordinario dipinto, sino ad ora considerato perduto. Si tratta del magnifico, luminosissimo “Paesaggio” di Andrea Locatelli (Roma 1695-1741), una delle opere del grande paesaggista romano appartenute al Re di Spagna, fino ad ora completamente sconosciuta agli studi. La tela rappresenta un “Paesaggio laziale con veduta fantastica del tempio della Sibilla a Tivoli, con pastori e armenti in primo piano”. La riemersione di questo autentico capolavoro è stata stimolata proprio dalla manifestazione pientina. In ogni edizione di “Pienza ed i Fiori” è infatti consueta la presentazione, in Palazzo Borgia (tutti i giorni tranne il martedì, orario 10,30-13,30/14,30-18,00), di un dipinto che documenti un giardino, una natura morta o un paesaggio e, negli anni, molte sono state le opere di livello notevole che hanno avuto la funzione di testimonial della manifestazione.
Il dipinto (cm. 74×136), che sarà esposto a Pienza, si può considerare come un importante ritrovamento in quanto si tratta, come si evince dal sigillo sul retro, di uno dei quadri che Locatelli, uno dei massimi esponenti della pittura romana di paesaggio, ha eseguito per il Re di Spagna. Cosa porta gli storici dell’arte a descrivere questo come uno dei quadri del Re di Spagna? Diversi elementi oggettivi. Il dipinto, innanzitutto, reca sul retro, ben leggibile, un sigillo in ceralacca della casa reale Borbone di Spagna e Borbone di Napoli e Sicilia il cui capostipite è Carlo di Borbone (1716-1788) conosciuto come Carlo III di Spagna. Il sigillo raffigura l’unione dei due stemmi relativi al regno di Napoli e Sicilia, a sinistra e lo stemma del regno di Spagna, a destra. L’unica commissione documentata di Locatelli per i Borbone è quella di due sovrapporte, di soggetto sacro, a tutt’oggi considerate perdute, incarico che l’artista romano ottenne per intercessione di Filippo Juvarra, nel 1735, per il Palazzo Reale della Granjia di San Ildefonso a Madrid, fatto costruire dal padre di Carlo III, Filippo V, dal 1721 al 1739. Le due opere sono andate perdute ma la presenza dei sigilli reali anche sul nostro dipinto, ci fa presupporre che ci troviamo davanti ad un’altra commissione borbonica, non citata dalle fonti, che si va ad affiancare ai due dipinti perduti, commissionati da Filippo V ed ereditati, una volta salito al trono di Spagna (1759), da Carlo III . Proprio quest’ultimo è, con buona certezza, il committente dello splendido paesaggio in mostra, importante testimonianza dell’interesse della Casa Reale Spagnola per questo grande Artista. Questi ed altri approfondimenti saranno pubblicati nel catalogo curato da Francesco Petrucci, Direttore del Museo del Barocco Romano di Ariccia.

 5 Maggio “Una manciata di ciliegie” presentazione del libro di Rina Rosati in Biblioteca Comunale.

5 & 6 Maggio visite guidate ai tesori della Città, Museo Diocesano Palazzo Borgia, Cripta del Duomo e Labirinto della Cattedrale.

 12 Maggio musica dal vivo con i 5 Per Caso quartetto sax e percussioni, Loggiato Comunale.

 Il 12 e 13 maggio, ultimo fine settimana della manifestazione, accoglierà l’attesissimo Mercato dei Fiori. Qui, i pollici verdi troveranno proposte e idee originali, dipanate lungo le strade dell’intero centro storico e nei vicini giardini di piazza Dante Alighieri.

 13 Maggio giornata dei sentieri, Trekking Castello di Spedaletto; prenotazione obbligatoria su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 13 Maggio Concerto dei Fiori a cura della Scuola di musica pientina A.Marrangoni, sala polivalente delle Galere.